Sta scadendo il tempo, è l’ora di costruire una Faz

Stiamo a un punto di svolta. Il decreto rilancio contiene alcune novità interessanti, ad esempio estende a molte più imprese l’accesso alla liquidità garantita dallo Stato e limita l’istruttoria delle banche ad un controllo “formale” dell’autocertificazione dell’impresa. Qualcosa dovrebbe venirne fuori, anche se è del tutto insufficiente. Il MES e il Recovery Fund si sono rivelati due trappole, come denunciamo da tempo, e oltretutto il RF se arriva lo farà in misura insufficiente e troppo tardi. Qui o si prendono immediatamente misure drastiche immettendo liquidità nel sistema ora, oppure a ottobre, al massimo a novembre viene giù tutto, banche comprese. Il PD ovviamente non lo capisce, e spinge per il MES che è come curare con l’acqua calda un tumore. Ma loro sono servi del potere finanziario, nemmeno delle banche, dove la coscienza della gravità della situazione si sta facendo strada. Ho parlato con alcuni amici dirigenti di banche, che sono fortemente pessimisti. D’altra parte nemmeno l’economia più solida può sostenere la chiusura o il fallimento del 30/40% delle imprese del terziario e per le altre la prospettiva di una riduzione dei ricavi superiore al 50%.

Non bisogna essere raffinati economisti per capirlo, basta la Sora Maria. E una mente non condizionata dal servaggio ottuso che porta alla rovina anche il padrone. Vanno bene anche i CCF ora, anche se ho qualche perplessità sullo strumento e l’ho espressa da tempo. L’ideale sarebbe emettere Btp a 10 anni a tasso profondamente negativo (dal -3 al -5%) da usare come moneta su conti aperti a tutti i cittadini (dico proprio tutti) presso la Cdp o eventualmente con le banche. Anche l’emissione di Btp a tasso negativo da far acquistare alle imprese negoziando con le banche il finanziamento al doppio del titolo acquistato a tasso zero per l’impresa, con gli interessi a carico dello Stato. Si può fare perché non creano debito pubblico, anzi lo riducono e incidono sul debito futuro che per l’Italia è notoriamente bassissimo. Con il PD al governo queste soluzioni sono impensabili, dovrebbero dare un calcio ai loro padroni che notoriamente vogliono la rovina dell’Italia per comprarla a due soldi.

Dicono che Conte stia facendo un suo partito. È una voce che gira da tempo, ma non credo che possa servirgli per liberarsi del PD. E se il governo non lo fa, dovremo farlo noi prima che sia troppo tardi, ovvero subito. Costruire le FAZ in Italia ed emettere obbligazioni che tengano il posto della moneta che manca. Obbligazioni a tasso negativo, ovviamente. È parte del programma del partito 10 Volte Meglio che ha capito perfettamente la gravità della situazione. Andate nel sito del partito per vedere tutta l’articolazione delle proposte per superare questa emergenza e costruire una società più umana e diversa da questa fondata sugli interessi del capitale finanziario. È arrivato il momento di farlo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...