Intervista virtuale al computer di Alan Turing

Ho scritto questo dialogo nel 1997, quando ho pubblicato la mia Guida a Internet. In questo sito che è stato aperto alcuni anni dopo la trovate nella versione originale (mancano alcune note), come intermezzo della Guida. Ora che è uscito il film sulla vita di Alan Turing e, coincidenza curiosa, Umberto Eco ha esposto una strana tesi sugli effetti di internet, sostenendo che esso dà voce a tutti gli imbecilli, quando allora sosteneva che internet poteva essere fonte di una nuova discriminazione tra le classi, ovvero tra chi la la possibilità dell’accesso e chi non ce l’ha, ho deciso di ripubblicarla da sola. Ovviamente c’è anche una battuta su Umberto Eco, grande scrittore ma su certi argomenti farebbe bene a pensarci su due volte. Era un altro mondo, Prodi presidente del Consiglio, Veltroni il suo vice, l’Italia si accingeva ad entrare nell’euro tra grandi speranze (della maggioranza) e molte perplessità di qualche economista un po’ avveduto, ma il clima era decisamente di positiva attesa per il nuovo millennio. Ed eccoci qui…

Continua a leggere